?

Log in

queenseptienna
29 August 2016 @ 10:00 am
Titolo: Making it Personal
Autore: K.C. Wells
Genere: M/M

(Personal #1)

Blake Davis is in the closet. And he’s going to stay that way. Because if his father finds out he’s gay, Blake could lose everything he’s worked so hard to achieve during the last six years as CEO of Trinity Publishing, the fastest rising star in the publishing firmament. Not that coming out wouldn’t solve a couple of problems. Maybe then his father would stop trying to set him up with yet another empty-headed, social-climbing girlfriend. And better still, Blake could stop using that escort agency when he wants a night of hot sex with a cute guy…

Will Parkinson has had a tough life so far, but he’s back on his feet. Okay, so he’s working as an escort – with ‘benefits’– to pay off his student loans, but that does have its advantages, such as the really hot guy who hired him. Yeah, Blake rocked his world last night – several times. So imagine how Will feels when he arrives to be interviewed for his dream job as PA in a publishing company, and the guy who’s hiring is….. Blake.

And then things get really complicated….


Read more...Collapse )


 
 
Current Music: Worry Worry Worry - The three suns
 
 
queenseptienna
22 August 2016 @ 10:00 am
Titolo: Cuore infranto
Autore: Cate Ashwood
Genere: M/M

Serie Hope Cove, Libro 1

Oliver Parrish è solo al mondo da quando è nato. Quando lo sceriffo Owen ‘Mack’ Macklin si presenta sui gradini di casa sua per dargli la notizia che sua sorella è morta, rimane sconvolto. Decide comunque di andare a Hope Cove, nel Maine, sperando di imparare a conoscere quella sorella che non ha mai saputo di avere. Mentre cerca di incastrare questi nuovi elementi nella sua vita solitaria, non è certo che si adatteranno perfettamente.

La sua vita viene scombussolata ancora di più quando s’innamora dell’irresistibile cittadina di Hope Cove e di Mack, l’ugualmente irresistibile sceriffo. Ma quando riceve la devastante notizia delle vere cause della morte della sorella, Oliver non sa se rimanere a combattere per l’amore e una vita piacevole, o limitare i danni e fuggire.

Read more...Collapse )
 
 
Current Music: An American trilogy - Elvis Presley
 
 
queenseptienna
Titolo: Occhi di ghiaccio
Autore: Susan Moretto
Genere: M/M romance

Quando Jess si ritrova sul set del film Occhi di Ghiaccio, crede di avere davanti l’opportunità della vita: il suo romanzo più famoso approda al cinema catapultandolo nell’Olimpo degli scrittori.
Ciò che non si aspetta, però, sono le attenzioni di Adam, l’attore protagonista del film, affetto dal peggior caso di colpo di fulmine mai visto.
Nonostante tenti di rifiutare l’attore e ciò che inizia a sentire per lui, Jess si rende conto di non potersi opporre all’attrazione che prova, e soprattutto ai sentimenti, e si arrende ad Adam.
Ma riuscirà a sopportare di dichiararsi, non ad Adam, ma al mondo intero? Riuscirà ad accettare se stesso e a farsi accettare dagli altri?

Read more...Collapse )

 
 
Current Music: My house on Mars - Ayreon
 
 
queenseptienna
Titolo: La ragazza che sapeva troppo
Autore: M.R. Carey
Genere: zombie, post-apocalittico

Melanie, dieci anni e un quoziente intellettivo altissimo, ogni mattina aspetta paziente nella stanza dove vive chiusa a chiave che la vengano a prendere per portarla a fare lezione.
Ma non è una gita di piacere, gli incaricati la legano a una sedia a rotelle mentre il sergente Parks la tiene di mira con una pistola carica. In classe ci sono altri ragazzini, legati come lei a una sedia e incapaci di liberarsi in attesa di essere sottoposti ai test medici della dottoressa Caroline Caldwell, che sta disperatamente cercando una cura all’epidemia. Fuori da lì il pianeta, infatti, a causa di un virus sconosciuto, ha visto la trasformazione della maggior parte delle persone in esseri senza coscienza che si nutrono di carne umana. Melanie è la prossima detenuta destinata alla dissezione, nonostante la sua insegnante si sia opposta con tutte le forze a questa pratica atroce, nella speranza di salvarla. E proprio quando tutto sembra davvero perduto, Melanie riuscirà a fuggire. La ragazzina diventerà il nuovo leader della rivolta? E il genere umano sopravviverà?


Read more...Collapse )

 
 
Current Music: Electro Cabaret - The Fire
 
 
queenseptienna
01 August 2016 @ 10:00 am
Titolo: La strada
Autore: Cormac McCarthy
Genere: post-apocalittico

Un uomo e un bambino viaggiano attraverso le rovine di un mondo ridotto a cenere in direzione dell'oceano, dove forse i raggi raffreddati di un sole ormai livido cederanno un po' di tepore e qualche barlume di vita.

Trascinano con sé sulla strada tutto ciò che nel nuovo equilibrio delle cose ha ancora valore: un carrello del supermercato con quel po' di cibo che riescono a rimediare, un telo di plastica per ripararsi dalla pioggia gelida e una pistola con cui difendersi dalle bande di predoni che battono le strade decisi a sopravvivere a ogni costo.

E poi il bene più prezioso: se stessi e il loro reciproco amore.


Lo so, non recensisco più libri da una vita e la verità è che Scrittevolmente mi aveva letteralmente prosciugato la voglia di leggere (oltre a quella di vivere). Da qualche tempo, in seguito alla sua chiusura, ho ricominciato finalmente a gettarmi sulla narrativa, in particolar modo su questo titolo di McCarthy che mi era stato caldamente consigliato dal mio amiketto Ewan.

Read more...Collapse )


 
 
Current Mood: anxiousanxious
Current Music: Are you gonna be my girl - Jet
 
 
 
queenseptienna

Finalmente è finita quella boiata di Secret Wars. No, veramente, non ne potevo più, non ci capivo niente, l'ho trovata stupida e a parte la miniserie dei Carol's Corps (che recensirò forse in futuro) e 1602 non si salvava nulla. Per fortuna erano solo 9 numeri per testata.
Quindi la brava Marvel cosa fa? Esatto, UN NUOVO REBOOT! Di questa nuova serie ho deciso di comprare esclusivamente quella dedicata a Iron Man, vuoi perché non l'avevo mai fatto, vuoi perché ne ho le palle piene degli Avengers. In Ultimate Tony Stark era sbroccato, ma ora è sano come un pesce e ci presenta niente meno che una nuova armatura (una fusione di tutte le precedenti, in grado di cambiare forma a seconda del bisogno), quella che vedete nell'immagine di copertina.
Il nemico di questa serie è Madam Masque per adesso, visto che Victor Von Doom aka il Dottor Destino pare non solo sembrare "buono", ma ha anche recuperato la faccia. Nel prossimo numero, l'anteprima paventa l'arrivo di Mary Jane, lasciando intendere un crossover con L'Uomo Ragno (la cui testata ora si chiama "Spidey". Non ho avuto il coraggio).
Nel complesso il primo numero si fa volere bene, anche perché è scritto da Brian Michale Bendis, geniale autore incaricato di ricostruire la reputazione ormai devastata del nostro filantropo-milionario-playboy-eroe preferito (e dopo tutti i casini creati negli anni passati posso capire). I disegni di David Marquez... beh... leggetelo, fidatevi.


 
 
queenseptienna

Seguo Outcast, la nuova fatica di Robert Kirkman (già autore di bella roba tipo The Walkin Dead, Invincible, Brit) e Paul Azaceta, si da quando è uscita in edicola. Esattamente come Orfani, lo seguo per sindrome di Stoccolma e non per altro. Questo fumetto ha un buon potenziale, una storia potenzialmente interessante, ma LENTA. E CORTA.
A differenza di The Walking Dead che, nonostante gli alti e bassi da un numero all'altro, riesce quasi sempre a lasciare il lettore appeso all'amo per sapere cosa accadrà nel numero successivo, Outcast non ci riesce. La storia di Kyle e del Reverendo non svela nulla, rimane criptico e non aggiunge dettagli.
Il numero 8 vede già avvenuti gli eventi in cui la sorella di Kyle viene posseduta e aggredisce il marito. Il buon Reverendo è finito in galera per aver preso a pugni il nuovo arrivato della città, quello che IO suppongo essere il Diavolo o quanto meno un suo araldo.
Viene ripetuto fino alla nausea che Kyle è un reietto, lo vediamo discutere con Mr.. Satana e... finalmente viene rivelato qualcosa di degno di questo nome. Uno scontro verbale tra lo stesso Kyle e l'ex moglie ci portano immediatamente alla fine del volume, facendomi imprecare come poche cose al mondo.
I disegni di Azaceta mi piacciono molto, il suo stile noir ben si adatta alla storia di possessioni ed esorcismi, ma i toni di grigio sono sempre troppo scuri (colpa in parte della carta da culo sulla quale il fumetto è stampato) e talvolta si fa veramente fatica a leggere le vignette.
Questo fumetto ha il terribile difetto di farmi infuriare talmente finisce in fretta e mi stupisce come possano averci già tirato fuori una serie tv (esclusiva a Giugno per FOX, von Patrick Fugit nei panni del protagonista).
 
 
Current Music: Destiny OST
 
 
queenseptienna
16 April 2016 @ 11:22 am, reposted by queenseptienna
Finalmente è uscito il primo volume della saga di Agents of F.R.E.A.K.S. intitolata LA MANO INVISIBILE e scritta da ewan_j e queenseptienna.



In un mondo in cui le creature del folklore e della fantasia, i Fantastici, sono reali ed esistono fianco a fianco degli umani, la convivenza non è sempre facile.

Il F.R.E.A.K.S. è un’agenzia internazionale che si occupa di mantenere la pace tra le due specie, a qualsiasi costo.

Rebecca Carter, nata da padre umano e madre Fantastica, è una fixer per conto del F.R.E.A.K.S., un’esperta nel campo delle pubbliche relazioni chiamata a risolvere potenziali crisi di immagine prima che queste possano diventare di pubblico dominio. Rebecca è brava in quello che fa, alcuni (inclusa lei stessa) la considerano la migliore nel suo campo.

Ma quando si ritrova tra le mani l’omicidio di un umano da parte di una banda di orchi e il furto di alcuni artefatti Fantastici, realizza che nulla, nei suoi anni di esperienza, l’aveva preparata a qualcosa di simile. Un’indagine che la porterà nella Russia comunista, oltre la cortina di ferro, ad affrontare avversari sempre più spietati e formidabili. Una corsa contro il tempo alla ricerca di un mandante misterioso, la mano invisibile che rischia di distruggere per sempre ogni possibilità di convivenza pacifica tra umani e Fantastici.

 
 
queenseptienna
12 April 2016 @ 10:46 am, reposted by queenseptienna
Con immenso piacere vi riveliamo la cover definitiva del volume 1 della saga di Agents of F.R.E.A.K.S. : La mano invisibile.

Testi di Andrea Santucci e copertina di Daniela Barisone.


 
 
Current Location: Milano
 
 
queenseptienna
15 March 2016 @ 10:00 am
Titolo: Infrasound
Rating: PG15
Fandom: Originale
Trama: In una realtà distopica, alcuni appoggiano l'orecchio a terra e ascoltano le vibrazioni.


[Spoiler (click to open)]Tagetes: più comunemente indicato come garofano, è un genere di piante della famiglia delle Asteracee, originarie degli Stati uniti sud-occidentali, del Messico e del Sud America. In Messico è considerato il fiore dei morti.

Astro (nome scientifico Aster L., 1753) è un genere di piante spermatofite dicotiledoni appartenenti alla famiglia delle Asteraceae, dall’aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dalla tipica infiorescenza simile alle margherite. Il nome del genere (Aster) deriva dal greco e significa (in senso ampio) "fiore a stella".

Hyacinthus: genere delle Hyacinthaceae (già incluso nelle Liliaceae), originario del mediterraneo orientale Asia minore e regioni tropicali africane, comprende specie bulbose con numerose varietà dalle ricche infiorescenze coloratissime e profumate, il nome del genere deriva dal personaggio mitologico Giacinto ucciso da Apollo.

Mania: è una divinità molteplice, personificava la Follia. Nella mitologia romana era la dea della morte, era stata presa in prestito dalla mitologia etrusca. Insieme a Mantus governava il mondo dei morti. Spesso viene assimilata alle Erinni: infatti, come loro tormenta gli spiriti colpevoli e non da loro tregua. Pausania ci informa che le era dedicato un santuario in Arcadia, tra Megalopoli e Messene.



Read more...Collapse )

 
 
Current Mood: angryangry
Current Music: Heart of steel - Manowar
 
 
 
queenseptienna
08 March 2016 @ 10:00 am
Titolo: Snow White
Rating: NC17
Fandom: Originale
Trama: Oh that man...

Ho sentito tante storie su come il principe salva la principessa. È ora di cambiare il finale.

Read more...Collapse )

 
 
Current Mood: angryangry
Current Music: That man - Caro Emerald
 
 
queenseptienna
Giorni fa ho esordito su Facebook con:
se non lo guardate siete tutti un branco di stronzi, ecco.
Invece di starvi a lagnare di quanto è brutto il cinema italiano, quando esce una PERLA come questo film non ve lo calcolate di pezza.
Vi meritate solo film brutti.






A distanza di qualche giorno la mia prima impressione non cambia. Il Mainetti ha tirato fuori un piccolo gioiello cinematografico, un'opera che ha segnato finalmente la meta: noi italiani possiamo fare film belli, di genere e senza caciottari alla cinepanettone.
L'ambientazione romana di Tor Bella Monaca è uno sfondo quasi noir nelle vicende di Enzo Ceccotti (il protagonista, interpretato dal bravo Claudio Santamaria), Alessia (Ilenia Pastorelli) e Fabio Cannizzato detto "Lo Zingaro" (un sublime Luca Marinelli).



La prima cosa di cui veniamo a conoscenza, è di non fare mai il bagno nel Tevere, perché se poi metti un piede in una tanica di scorie nucleari sono cazzi amari. O muori, o ne esci come Enzo: con una super forza e un potere di rigenerazione che Wolverine se lo sogna.
Ma Enzo non è un eroe. E' un piccolo criminale, un uomo "normale", che appena si rende conto dei suoi poteri fa la prima cosa sensata che, siamo sinceri, chiunque di noi farebbe: scardina un bancomat. Da qui si dipana la sua storia con Alessia, una ragazza completamente fuori di testa, abusata dal padre e rinchiusa nel suo mondo fatto di Jeeg Robot. Una ragazza buona che fa emergere il lato "buono" di Enzo, se così lo vogliamo chiamare.


Ma per ogni storia di super eroi, c'è un cattivo: lo Zingaro. Alcuni lo hanno paragonato al Joker nostrano. Sono concorde solo in parte, in quanto non è la follia e il puro caos a muovere la cattiveria dello Zingaro, quanto una sensazione che accomuna molti di noi: l'idea di non essere nessuno, di essere un fallito, quindi di voler lasciare un segno nel mondo. L'interpretazione di Marinelli poi ricorda molto Buffalo Bill de Il silenzio degli innocenti, al quale si è ispirato.
Lo Zingaro ed Enzo si incrociano più volte in una spirale crescente che li porta ad affrontarsi, finalmente ad armi pari, in un finale con i botti. Letteralmente.

La regia è ottima. Gli attori sono eccellenti. La storia è bella. Gli effetti speciali non vengono lesinati. Le citazioni ci sono.
Ci sono dei momenti forse troppo lenti che si sarebbero potuti tagliare, ma vengono compensati dalle tre scene madri del personaggio di Alessia, che letteralmente ti strappa via il cuore.

Non guardare questo film perché "è italiano" è un insulto all'intelligenza, quindi fate un favore a voi stessi: andate al cinema.


 
 
Current Mood: amusedamused
Current Music: Born this way - Lady Gaga
 
 
queenseptienna


Ammetto abbastanza candidamente di non essermi mai interessata al personaggio di Deadpool (di cui conoscevo fin troppo bene l'esistenza, solo, non mi interessava) fino a un anno fa, quando ho trovato in edicola alcuni fumetti autoconclusivi che me lo hanno fatto piacere abbastanza.
L'antieroe canadese non è troppo il mio genere, ho sempre preferito Punisher. Inoltre la sua rappresentazione data da Ryan Reynolds in Origins (Wolverine o X-Men adesso non ricordo, tanto sono tutti da dare alle fiamme senza pietà alcuna) era classificabile tra lo scarso e il disabile. Niente di cui mantenere memoria. Il buon Ryan poi ci ha riprovato in un Lanterna Verde senza troppe pretese, ma godibile, quindi per me era ok. Non mi ci sarei stracciata le vesti, insomma.
Sicuramente vi ricorderete il leak del footage di Deadpool qualche tempo addietro... ecco, quello aveva acceso il mio interesse. Ero onestamente curiosa.
Quindi sono andata al cinema senza alcuna aspettativa. Non mi sono documentata prima sul personaggio, né onestamente l'ho fatto dopo essere uscita.  Il che è stato un bene, perché mi sono molto divertita. Ryan Reynolds ha fatto un lavoro eccellente, ha dimostrato di riuscire in un ruolo che molti altri avrebbero sbagliato in pieno. C'è tanta ironia, ma soprattutto autoironia, come la citazione al costume di Lanterna Verde e la battuta "beh, c'è stato un tempo in cui stavo effettivamente peggio" mentre mostra l'action figure di Deadpool in Origins. La quarta parete viene sfondata regolarmente (perché ricordiamo che Deadpool è uno dei pochi personaggi Marvel a essere consapevole di essere un fumetto), il tutto in maniera divertente e capace.
Un interessante cattivo è rappresentato da Ajax/Francis, che però è stato doppiato in italiano letteralmente da un cane. Colosso è stato realizzato interamente in digitale e viene usato per lo più come spalla comica, mentre vedo un interessante futuro per Testata Mutante Negasonica.
Questo film non è un capolavoro. Ha i suoi alti e bassi, ma è DIVERTENTE. Davvero tanto, in modo sguaiato alle volte, ma resta un film molto riuscito per il suo genere.
Se vi piace Deadpool, non delude le aspettative.

 
 
Current Mood: blankblank
Current Music: Only the good die young - Billy Joel
 
 
queenseptienna
29 February 2016 @ 10:00 am
Titolo: Lizzie
Rating: PG15
Fandom: Originale
Trama: Quaranta colpi di ascia prima di andare a dormire

Lizzie Borden took an axe,
Hit her father forty whacks.
When she saw what she had done,
She hit her mother forty-one



LizzieCollapse )

 
 
Current Mood: angryangry
Current Music: Atom Bomb Baby - The Five Stars
 
 
queenseptienna
23 February 2016 @ 10:00 am
Titolo: Il ginepro
Rating: PG15
Fandom: Originale
Trama: I fantasmi ci circondano, ma dobbiamo avere paura di loro o di chi ci vive accanto?
La morte non è la fine...

Mia madre mi ammazzò.
Mio padre mi mangiò.
Mia sorella Milena le mie ossa tutte raduna.
Nella seta le ha legate,
sotto il ginepro le ha celate.


Il gineproCollapse )

 
 
Current Mood: angryangry
Current Music: Paradise - Tesla
 
 
 
queenseptienna
22 February 2016 @ 07:21 pm









 
 
queenseptienna
20 February 2016 @ 10:00 am
Titolo: Il fondo dell'anima
Fandom: Originale
Pairing: M/F
Rating: PG15
Link AO3
Sommario: Lea spiega a Jack che l'amore è tutta un'altra cosa.

Il fondo dell"animaCollapse )


 
 
Current Mood: coldcold
Current Music: Breaking inside - Shinedown
 
 
queenseptienna
19 February 2016 @ 08:51 am

Nuovi.


 
 
queenseptienna


Questa è una cosa che non avrei mai pensato di dire, ma ci sono un paio di cose che devo confessare prima di procedere a spiegare perché la serie di Orfani mi ha rotto il cazzo.
In generale mi è sempre piaciuto (l'ho sempre detto che di Recchioni leggerei pure la lista della spesa). Nonostante i troppi ammiccamenti a videogiochi, libri di fantascienza famosi e film, ho trovato la prima stagione eccellente. In uno stile davvero anni 90, ma comunque mi è piaciuta tanto e il finale di stagione mi ha sorpresa.
Con Ringo, titolo della seconda stagione, la serie ha iniziato a puzzare di pesce. 12 numeri in stile "La lunga marcia" (il primo però era davvero "infuocato") che fino al numero 9 si ripetevano sempre uguali (da qui è nata tra i miei amici la scherzosa definizione sul fatto che ormai leggessi Ringo per pura sindrome da Stoccolma), ovvero i tre mocciosi che si mettevano nei guai e paparino Ringo che correva a salvarli prendendosi una bella dose di mazzate. Però Ringo ha giocato tutto sul finale, con una serie di morti e scelte di sceneggiatura veramente efficaci.
La terza stagione, Nuovo mondo, è il motivo per il quale ho deciso di chiudere da qui all'eternità con questa serie e lo dico a malincuore. Rosa, l'unica sopravvissuta della covata, riesce in qualche modo a raggiungere il nuovo pianeta colonia e qui iniziano le sue nuove sventure fatte sostanzialente di "corri, Rosa, corri!" in una foresta aliena accompagnata da una lattina volante che mi ha fatto venire un attimo di nostalgia. Il problema è che Rosa è incinta. Tipo al settimo mese se non di più. Ha una pancia che deve trasportarla su una carriola, invece, in quanto (presunta) figlia di Ringo, non solo corre, salta e si arrampica come una scimmia, ma trasporta a spalla persone svenute e combatte contro mostri enormi pronti a mangiarsi lei e i suoi improvvisati compagni di viaggio.
Ora.
Mi rendo conto che in Bonelli il modello di eroina femminile è Giulia, ci sono quattro o cinque sceneggiatori che dal loro modo di scrivere posso dire con certezza che una donna vera non l'hanno nemmeno mai vista, ma una donna incinta al settimo mese non salta, non corre, non si arrampica e soprattutto non incassa con nonchalance codate di drago sul rimorchio anteriorie. Perché ci sono solo due cose che mi vengono in mente possano succedere e in entrambi c'è la morte di qualcuno.
Ma posso ancora fare finta di tenere accesa la mia sospensione dell'incredulità, dopotutto alla Marvel si sono inventati quella cagata immane di Spider Woman incinta. E poi ci lamentiamo di Manara?
L'ultimo numero che è uscito, Benvenuto nella giungla, è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Era successo anche a ewan_j con il romanzo di un altro autore Bonelli, ora è accaduto anche a me: ho letto Orfani e non mi ricordo niente.
Nulla.
Niet.
Nada.
Una tabula rasa che è avvenuta senza pietà nella mia testa nello stesso istante in cui ho chiuso il volume. Non ho idea di chi fosse lo sfigato protagonista di turno o se Rosa sia un passo dalle doglie perché non me lo ricordo. E questo, in storytelling, si chiama in un solo modo: fallimento. Mi sembra un ottimo motivo per risparmiare 4,50 euro al mese e spenderli in Morgan Lost che non solo è scritto meglio (parliamo di Chiaverotti, mica l'ultimo dei baluba), ma costa pure di meno.


P.S. anche su Dylan Dog mi è successa la stessa cosa, ma come un'idiota continuo a comprarlo nella speranza che i famosi "cambiamenti" paventati dal suo curatore si palesino.
Non lo stanno facendo.


 
 
Current Mood: angryangry
Current Music: The wanderer
 
 
queenseptienna
11 February 2016 @ 10:00 am
Lineart e colorazione mia.
Prima, durante e dopo.








 
 
 
queenseptienna
08 February 2016 @ 10:00 am
Prima, durante e dopo.
Autore disegni sconosciuto, colorazione mia.









 
 
queenseptienna
05 February 2016 @ 10:00 am
Prima, durante e dopo.
Disegni di Jae Lee, colori miei.







 
 
queenseptienna
03 February 2016 @ 10:00 am
Prima, durante e dopo.
Hellboy di Adam Hughes.







 
 
queenseptienna
01 February 2016 @ 10:07 pm
E' una vita che non faccio più recensioni, di manga poi. E' anche una vita che non leggo manga.
No, non è quella volta che vi parlerò di One-Punch Man (che ho visto e di cui sono rimasta fulminata sulla via di Damasco), bensì oggi vi parlerò di una pregevole opera dal titolo Museum, di Ryousuke Tomoe.


Per prima cosa partiamo dal formato: uscito di recente per i tipi della J-Pop in un cofanetto di pregio di tre volumi (serie conclusa), si tratta di un thriller urbano dai tratti horror che contiene anche due storie brevi (una thriller e l'altra creepypasta) sempre dello stesso autore.
Una cosa che mi ha convinta a comprarlo (oltre al fatto che mi è stato parlato MOLTO bene di questo manga) è stato anche lo stile di disegno: lontano dai tratti tipici del manga, questo fumetto si rivolge a un pubblico adulto e adulto è anche il disegno, molto realistico.


Hisashi Sawamura è un giovane poliziotto appena rimasto solo dopo l'abbandono da parte della moglie e del figlio. Si ritrova a indagare su due efferati omicidi che si compiono nel giro di breve tempo, con metodi completamente diversi e solo un foglio scritto a collegarli.
Mano a mano che i crimini salgono, Hisashi si ritrova in una posizione compromettente che mette a repentaglio la sua vita e quella di chi gli sta intorno.

Ryousuke Tomoe ha un senso della storia e della sceneggiatura che si avvicina moltissimo non tanto al fumetto quanto alla novelizzazione americana. I tagli, le scene, le scelte grafiche... sono tutte cose che ricordano più un libro di Stephen King, piuttosto che un manga (che ha dei tempi di riavvolgimento che tutti conosciamo).
La storia prende immediatamente: è realistica (soprattutto nella normalità dell'ambientazione urbana), cruda e senza mezzi termini. Si avvia subito e porta il lettore alla fine del terzo volume con una rapidissima escalation di colpi di scena molto ben congegnati fino a un finale al cardiopalma.
Il protagonista, Hisashi, è molto ben trattegiato dall'autore, che però ha lasciato in secondo piano tutto il resto, killer compreso. In ogni caso si riesce a sorvolare benissimo su questa cosa, perché le vicende di Hisashi sono coinvolgenti.

Passando ai due racconti presenti rispettivamente alla fine del volume due e tre: il primo si intitola Girl and Killer, una breve "fiaba crudele" dove un cecchino di professione si ritrova davanti una giovane prostituta e decide sul da farsi.
Il secondo è La nostra amicizia apparente, un racconto veramente ansiogeno dove è evidente la passione di Tomoe per i creepypasta.

Nel complesso un voto di 9/10, sono stata molto soddisfatta della lettura e lo consiglio.


 
 
queenseptienna
01 February 2016 @ 12:27 am
Prima, durante e dopo.





 
 
 
queenseptienna
25 January 2016 @ 10:00 am
Ho questo blog da sette anni.
Sette cazzo di anni.
Non so se rendo l'idea, ma è TANTISSIMO. Ho avuto relazioni che tutt'ora non raggiungono la quantità di tempo che ho perso dietro a questo blog XD
Che dire... un paio di rflessioni, come ogni anno: la prima è senza ombra di dubbio che Livejournal è morto. Defunto. Rinsecchito. Facebook lo ha ucciso malamente (e ancora mi ricordo quando non volevo iscrivermi né a quello né a Twitter e poi guarda come è andata a finire). Mi mancano i tempi lenti di questo blog, ma soprattutto mi mancano i suoi commentatori (perché so che c'è gente che legge, ma è il solito discorso del kudos: metto un pollice in su perché mi pesa il culo dire qualcosa). Sento proprio la mancanza di qualcosa che scorre più piano rispetto alla mia frenetica esistenza.
Quindi, come ogni santo anno, faccio voto di scrivere di più, di riprendere in mano le redini di questo posto e scrivere dei contenuti vagamente interessanti e non rianimarmi solo in epoca di p0rnfest.
 
 
queenseptienna
18 January 2016 @ 10:00 am



 
 
queenseptienna
14 January 2016 @ 10:00 am
A short list.

  1. Mad Max - Fury Road

  2. The Hateful Height

  3. Star Wars - The Force awakens

  4. Kingsman - Secret Service

  5. Ex- Machina

SPECIAL MENTION: The Martian

...and I'm going to see Legend.

Tags:
 
 
queenseptienna
13 January 2016 @ 10:00 am
Sempre dal mio sketchbook "da treno".




 
 
Current Mood: artisticartistic
Current Music: Mr. Sandman - The Chordettes
 
 
queenseptienna
12 January 2016 @ 10:00 am
Title: Welcome back
Fandom: Mass Effect
Pairing: Kaidan Alenko/John Shepard
Rating: NC17
Warnings: Light BDSM, Biotics, Slash,Top Kaidan, Bottom Shepard, Mass Effect 3DLC: Omega
Word count: 1515
Beta: Pans
Summary: Shepard smiled at Kaidan. He was aware of how he appeared, full of scratches, armor battered and covered with blood not his own, a cocky smile and holding a rifle that would wet a Krogan’s undies. “Kaidan, here. Want to see my new rifle?”

Welcome backCollapse )
 
 
 
queenseptienna
11 January 2016 @ 10:00 am
Dama  
Dal mio sketchbook "da treno". Come reference ho usato una gif che è passata su facebook.




 
 
queenseptienna
Premessa importante: The Hateful Eight uscirà nei cinema italiani il 4 febbraio 2016. Io sono una di quelle stronze che ha fatto in tempo a scaricare il leak da torrent, quindi non leggete questa recensione se volete andare a vederlo al cinema perché sul serio, non dovrei nemmeno pubblicarla. Ma dopotutto chissene.



Vai col la trama: Qualche anno dopo la Guerra civile americana, una diligenza si fa strada nel paesaggio invernale del Wyoming; i passeggeri, il cacciatore di taglie John Ruth e la latitante Daisy Domergue, sono diretti verso la città di Red Rock, dove l'uomo, meglio conosciuto come "il boia", consegnerà la ricercata alla giustizia. Lungo la strada, incontrano due sconosciuti: il maggiore Marquis Warren, un ex-soldato di colore dell'Unione divenuto un famigerato cacciatore di taglie, e Chris Mannix, un rinnegato del sud che sostiene di essere il nuovo sceriffo della città. A causa di una bufera di neve, i quattro trovano accoglienza presso un rifugio di montagna, dove ad attenderli non vi sono i proprietari ma quattro facce che non hanno mai visto prima. Bob, colui che si occupa del locale in assenza della proprietaria, in visita a sua madre, è lì rintanato con il boia Oswaldo Mobray, con il cowboy Joe Gage e con il generale confederato Sanford Smithers. Mentre la tempesta divampa, gli otto viaggiatori impareranno come la loro destinazione non sia così facile da raggiungere. Tra tradimenti e inganni, dovranno cercare di sopravvivere alla situazione.

RECENSIONECollapse )


 
 
queenseptienna
08 January 2016 @ 10:00 am
Title: Raven
Pairing: Titan/Hunter
Characters: Male Awoken Titan, Male Human Hunter
Rating: NC17
Warnings: Slash, PWP, Smut
Word count: 1109
Beta: Pans
Summary: Sitting in a dusty room on the tower and busy drinking a beer that tasted more like piss than malt, Raven was approached by a Titan in the most stupid way someone could ever come up to.
"Hey, did it hurt when you fell?"

RavenCollapse )
 
 
queenseptienna
07 January 2016 @ 10:00 am
Dal mio sketchbook "da treno".




 
 
queenseptienna
06 January 2016 @ 10:00 am
Volevo disegnare Lovecraft.
Mi è uscito Hannibal.




 
 
 
queenseptienna
05 January 2016 @ 10:00 am
Non mi è piaciuto per niente Assassin's Creed Syndicate. Per niente.





 
 
queenseptienna
04 January 2016 @ 11:37 pm
Titolo: Nel buio
Fandom: One Punch Man
Relationship: Genos/Saitama
Rating: R
Tag: p0rnfest
Prompt: ONE PUNCH MAN - Genos/Saitama - Angst! In silenzio, nel buio, perché il mattino dopo sia parso un sogno anche a loro


Nel buioCollapse )
 
 
Current Mood: apatheticapathetic
Current Music: Americana - The Offsprings
 
 
queenseptienna
03 January 2016 @ 08:13 pm
Titolo: 'Non ti aspettavo'
Fandom: Assassin's Creed Syndicate
Relationship: Alexander Graham Bell/Jacob Frye
Rating: N17
Tag: p0rnfest
Prompt: ASSASSIN'S CREED - ALEXANDER GRAHAM BELL/JACOB FRYE - "NON TI ASPETTAVO"

ASSASSIN"S CREED - ALEXANDER GRAHAM BELL/JACOB FRYE - "NON TI ASPETTAVO"Collapse )

 
 
queenseptienna
02 January 2016 @ 02:25 am


Titolo: Animale
Fandom: Assassin's Creed Syndicate
Relationship: Alexander Graham Bell/Jacob Frye
Rating: R
Tag: p0rnfest

ASSASSIN"S CREED - ALEXANDER GRAHAM BELL/JACOB FRYE - ANIMALECollapse )
 
 
queenseptienna
29 December 2015 @ 10:00 am
Come da titolo.