?

Log in

No account? Create an account
 
 
18 January 2010 @ 07:23 pm
Argomentazioni serie XD  
Il diritto alla vita è un argomento piuttosto controverso, così come altri temi delicati. Oggi ho avuto modo, durante il corso, di partecipare ad una discussione su questo tema, dove ognuno ha detto la sua e spesso si sono aperti dibattiti interessanti XD

Quindi voglio sottoporvi gli stessi argomenti e sentire la vostra opinione. Io dirò la mia alla fine, quando tutti avrete parlato. Lo faccio perché altrimenti potreste credere che da sporca e lurida fascista, destrorsa e fonte di ogni male possa essermi trasformata in un agnellino del Signore MA NON E' COSI' U___U

L'unica raccomandazione che vi faccio è quella di NON LITIGARE, non siamo a Porta a Porta. Nessuno qui verrà giudicato per le proprie opinioni, diciamo che lo fate per aiutare la sottoscritta negli studi XDDD

Lasciate un commento dove motivate le vostre argomentazioni (potete anche commentare un solo punto per volta e gli altri in seguito u__u). Non si accettano commenti anonimi.

Ribadisco il NON LITIGATE: questa cosa esula dalle fazioni politiche e qui non siamo nella repubblica Sudista avversa al grande Impero delle Banane U_U (Repubblica che risponde alle provocazioni contraddicendosi con le proprie parole, giusto da far notare XD).



Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
Due esempi:

- Un malato terminale che chiede di "staccare la spina";
- Un uomo sano che decide, per i più svariati motivi, di suicidarsi.

L'aborto: cosa ne pensate?
-Una madre deve tenersi il figlio nonostante tutto;
-Una madre è libera di decidere o meno di interrompere la gravidanza.

La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
-E' giusto che il condannato paghi con la vita;
-Non è giusto, chi dice che non ci siano errori?

Testimoni di Geova
-E' giusto che NON permettano le trasfusioni di sangue poiché è il loro credo;
-Non è giusto che non permettano le trasfusioni, la vita è più importante della religione.

L'omosessualità (il primo che dice che è una malattia LO SCHIANTO): cosa ne pensi in materia?

La pedofilia è una malattia:
-E' giusto curare il pedofilo;
-A morte! In galera!

Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è pervesione?

La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?

La libertà: cosa decide dove finisce la tua e inizia la mia?


Spero di avervi adeguatamente stuzzicato XD
 
 
Current Mood: contemplativecontemplative
 
 
 
(Deleted comment)
queenseptienna: GD Tré ehy you!queenseptienna on January 18th, 2010 06:51 pm (UTC)
Eheeheh so che queste cose sono di tuo interesse XDDD Studia per domani, stasera rispondi qui XD Tanto non scappo U_U
Doctor inter Gandavicos Gandavicissimakuroi_nezu on January 18th, 2010 06:58 pm (UTC)
Oddio, gli argomenti sono tantissimi e molto interessanti, spero di riuscire ad esprimere il mio parere in maniera sintetica o finisce che ci perdo la settimana x°D

Riunisco assieme i punti della vita a tutti costi, dell'aborto e dei Testimoni di Geova: credo che debba essere concessa alla persona la scelta. Io non sono credente e quindi sono svincolata dall'idea religiosa, ma penso che sia giusto che ognuno decida per sé se è adulto (e si presume anche responsabile). Non si può obbligare una persona a vivere come un vegetale se ha espressamente detto che non vuole; è diverso il caso del tentativo di suicidio. In genere una persona tenta il suicidio per depressione, per problemi famigliari o di altro tipo. In quel caso si deve cercare di aiutare la persona il più possibile, non curarlo, chessò, dai tagli e rimetterlo in strada, ma fornirgli l'assistenza adeguata al suo caso. Più di questo non si può fare perché ad un certo punto non si può correre dietro a tutti quelli che cercano di buttarsi giù da un palazzo afferrandoli al volo. Staccare la spina è diverso, il porre fine alla propria vita in quel caso non è dovuto a fattori psicologici (o forse anche, ma non totalmente), è il corpo che non ce la fa più naturalmente a vivere e la malattia di cui sei affetto degenera e non si può curare. Riguardo l'aborto, se una donna vuole abortire per me può farlo, dev'essere una sua libera scelta: non credo che qualsiasi essere umano abortirebbe così alla leggera, si tratta pur sempre di un figlio, e quindi le ragioni che spingono a farlo devono essere veramente serie. Per i testimoni di Geova, se sono maggiorenni, io mi riporto a quello che ho scritto prima sul staccare la spina, credo che sia loro diritto scegliere. Se si tratta di un minore, invece, i cui genitori non vogliono fargli eseguire le trasfusioni di sangue, allora non sono d'accordo.

Pena di morte: mai, sempre e comunque. Non riesco a concepire come si possa uccidere un essere umano tramite la legge, sarà una limitazione mia, ma non ci riesco. Qualsiasi sia il delitto o reato commesso, c'è una giusta punizione che non sia la pena di morte. Ricollegandomi poi alla pedofilia, sono del parere che un pedofilo sia a tutti gli effetti un malato e come tale vada curato.

Salto la domanda sulla religione, poiché non mi tocca.
Riguardo la perversione... ehm... non saprei x°D Cioé, parlando in prima persona, sono una persona perversa se si intende con perversione il solo pensare certe cose, dopo però il metterle in atto è un altro discorso. Suppongo che a regolare cosa sia o non sia perversione sia una sorta di più o meno accettata idea di "decenza" che si ha in comune, ma non ne sono certa, varia troppo da persona a persona.

Su libertà ed omosessualità devo pensarci un attimo, poi ti saprò dire x°D
bad_asmodaibad_asmodai on January 18th, 2010 07:29 pm (UTC)
Mi riservo un pò di tempo per rispondere...
(no subject) - queenseptienna on January 18th, 2010 08:34 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - kuroi_nezu on January 18th, 2010 09:46 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:48 pm (UTC) (Expand)
kirav199: [music] high school never ends (sadly)kirav199 on January 18th, 2010 07:31 pm (UTC)
Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
Due esempi:

- Un malato terminale che chiede di "staccare la spina";

Ne ha tutto il diritto, in quanto la sua e' una condizione incurabile. Chi siamo noi per condannarlo ad una vita di umiliazione?
- Un uomo sano che decide, per i più svariati motivi, di suicidarsi.
Si tenta comunque di salvarlo, con il supporto di psichiatri & co, in quanto si puo' guarire dalla depressione e altri problemi mentali, con il giusto supporto.

L'aborto: cosa ne pensate?
-Una madre deve tenersi il figlio nonostante tutto;
-Una madre è libera di decidere o meno di interrompere la gravidanza.

La seconda. Che vita avra' poi quel bambino? Non amato dalla madre, magari pure dal padre, o abbandonato. Per quanto ci sia gente che lo aiuti, il sapere di non essere voluti dalla propria madre avra' sempre gravi ripercussioni sulla salute psichica del bambino. Tra l'altro, volendo parlare socialmente, e' piu' alta la possibilita' che commetta atti di violenza, furto, taccheggio... omicidio nel peggiore dei casi. Oppure suicidio, il che putroppo accade spesso.


La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
-E' giusto che il condannato paghi con la vita;
-Non è giusto, chi dice che non ci siano errori?

A parte il fatto degli errori, ma perche' mai dovremmo "aiutarlo" ammazzandolo? E' giusto che soffra, quindi bisognerebbe metterlo nella prigione peggiore e piu' malfamata che ci sia. E vediamo che cosa gli fanno.

Testimoni di Geova
-E' giusto che NON permettano le trasfusioni di sangue poiché è il loro credo;
-Non è giusto che non permettano le trasfusioni, la vita è più importante della religione.

Non sapevo questa cosa, tuttavia se si limitano a non permettere le trasfusioni tra di LORO, va bene. E' autolesionismo allo stato puro, ma cavoli loro. Hanno scelto di essere testimoni di Geova consapevoli di cio' a cui andavano incontro.

L'omosessualità (il primo che dice che è una malattia LO SCHIANTO): cosa ne pensi in materia?
Penso che sia una cosa normalissima, talmente normale che ci sono numerosi casi in diverse specie animali, come ad esempio i pinguini. E' biologico, porca miseria. Cosa diamine ci trovate di innaturale? BAH.

La pedofilia è una malattia:
-E' giusto curare il pedofilo;
-A morte! In galera!

Saro' estremista, ma questa e' una cosa che proprio non tollero. Per quel che mi riguarda, chi compie atti di pedofilia dovrebbe essere a) violentato a sua volta, cosi' capisce cosa ha fatto (e cio' vale anche nei casi di stupro) e b) evirato.
Ripeto, saro' estremista, ma mi sembra la soluzione migliore. Occhio per occhio, dente per dente.

Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è perversione?
E' un concetto talmente relativo che non saprei come rispondere. E', diciamo, nel limbo - molto ampio - tra sanita' e pazzia, e ci sono vari stadi di perversione. Ma per quel che mi riguarda, finche' l'altro e' consenziente va bene tutto, tranne gravi lesioni fisiche/omicidio.

La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?
Non sono religiosa. XD
Sono una via di mezzo tra l'ateo e l'agnostico, ovvero "probabilmente non esiste un dio, ma se esiste puo' elegantemente andare a farsi fottere". Posso tollerare tutto, davvero, ma non che un ipotetico dio permetta che un/a bambino/a venga stuprato/abusato. Ne andasse pure della distruzione del mondo, io non lo permetterei MAI. Quindi un dio o non esiste, e quindi nada, o non lo puo' impedire, e quindi non e' onnipotente e sti cavoli che lo prego, o lo puo' impedire ma non vuole, e quindi mi fa SCHIFO e non lo pregherei neanche se ne andasse della mia vita.

La libertà: cosa decide dove finisce la tua e inizia la mia?
La liberta' e' di parola, di pensiero e di azione, purche' non danneggi alcun individuo o societa'. Si puo' agire contro qualcuno solo nei casi di effettivo attacco e danneggiamento di un individuo o di un organo sociale.
(ok, suona PEDANTE e POMPOSISSIMO e mi fa altamente schifo, ma non sapevo come altro dirlo XD)
queenseptienna: Abelqueenseptienna on January 18th, 2010 08:44 pm (UTC)
*si segna tutto* quindi tu sei per una posizione moderata, a parte i pedofili XD
(no subject) - kuroi_nezu on January 18th, 2010 09:49 pm (UTC) (Expand)
Noemin_atreides on January 18th, 2010 07:34 pm (UTC)
mi riservo di risponder dopo che avrò finito di studiare, e ti avverto che per ogni argomenti farò almeno 30 pagine... avvisata eh!
queenseptienna: Yay!queenseptienna on January 18th, 2010 08:24 pm (UTC)
Nessun problema :D Ti aspetto *O*
yoruko89yoruko89 on January 18th, 2010 09:00 pm (UTC)
Rispondo solo perché ti amo alla follia u_u
xDD scherzo! Mi piacciono queste occasioni di dibattito.

1_Sono per la libera scelta, e non è un modo per scansare l'argomento. Trovo irritante la gente che pensa di potersi sostituire ad altre, non posso vietare a un malato di fare ciò che ritiene giusto della propria vita. Così come non posso evitare che una persona sana si suicidi: farei di tutto per cercare di aiutarlo, ma la depressione è una brutta bestia, non ti molla mai ed è sempre dietro l'angolo. E se uno deve vivere soffrendo ogni singolo secondo forse è meglio che non viva.
2_ Collegato al primo punto, sono favorevole all'aborto, ma visto come possibile scelta: a livello generale parlare di queste cose è praticamente inutile, bisogna analizzare caso per caso.
3_ Pena di morte zero. Mai. In nessun caso, è inutile e diseducativo.
4_ Non posso risponderti, non sono credente e non riesco neanche a mettermi nei panni di un credente, ma fino a quando si trattano di libere scelte le rispetto. Ma è un argomento troppo delicato e io non ho abbastanza informazioni per permettermi di dire qualsiasi cosa.
5_ Sono bisessuale, e credo che questo dica tutto.
6_ E' una malattia e come tale va curata, punire e basta non è mai la giusta soluzione
7_ Non lo so, non l'ho ancora capito, credo che non ci sia limite alla perversione, ma allo stesso tempo c'è un limite diverso ancorato in ognuno di noi.
8_ Detto prima, ho smesso di credere in qualunque cosa da molto tempo, non ci riesco.
9_ La libertà alla prossima puntata, argomento troppo vasto xD

Spero di non essere stata troppo banale u_u
queenseptienna: Holmes X Watson Heartqueenseptienna on January 18th, 2010 09:05 pm (UTC)
Anche io ti amo tantissimo U_U
Va benone, grazie tesorah! <3
(no subject) - gondolin_maid on January 18th, 2010 10:46 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 18th, 2010 10:47 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:48 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:47 pm (UTC) (Expand)
vykos86 on January 18th, 2010 11:36 pm (UTC)
Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
- A patto che sia in grado di prendere autonomamente decisioni può decidere di staccare la spina, sebbene questo sia egoista nei confronti di chi rimane. Se non è in grado di prendere decisioni ci si basa sul testamento biologico del malato, se non ce n'è uno lo si lascia in vita fino alla decisione di chi fa le veci della persona presa dopo il parere di medici specializzati.
- Un uomo sano che decide, per i più svariati motivi, di suicidarsi, è un pazzo. Bisognerebbe sottoporlo alle dovute cure psichiatriche molto prima che si arrivi a questo punto.

L'aborto: cosa ne pensate?
- Una donna incinta dovrebbe abortire solo in caso di gravidanza in seguito ad uno stupro, in caso contrario, beh, doveva pensarci prima. E' comprensibile l'aborto qualora le dovute precauzioni siano state prese ma sia andata male per qualche motivo e non ci siano le condizioni necessarie a crescere un figlio. In linea generale può decidere la donna, ma bisognerebbe evitare di abortire come metodo contraccettivo supplementare.

La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
- Non ha alcuna efficacia, lo dimostra il fatto che gli stati dove vige la pena di morte siano generalmente quelli con il più alto tasso di criminalità. Se uno sa che - ad esempio - per la violenza su minore o per stupro aggravato rischia la morte, per evitare di essere preso grazie alle testimonianze della vittima la eliminerà fisicamente oltre a commettere violenza. La pena di morte non solo è inutile a ridurre i crimini, ma anzi li aumenta e ne causa di più gravi.

Testimoni di Geova
- Dato che il sangue è comprovatamente uguale per tutti a seconda del gruppo è semplicemente idiota pensare che trasformi le persone in qualche modo, così come i cristiani hanno smesso di credere alla mela di Eva eccettuate frange bigotte al quadrato e così come nessuno crede più che i fulmini vengano lanciati da Zeus quando è arrabbiato è tempo che anche le altre religioni prendano atto della realtà, molti dei loro dogmi sono idiozie inventate da un tizio che voleva controllarli e che ci è riuscito alla perfezione.

L'omosessualità (il primo che dice che è una malattia LO SCHIANTO): cosa ne pensi in materia?
- Alcune persone hanno diverse preferenze sessuali. Dato che la cosa non è "contagiosa" nè tantomeno implica tare mentali dei soggetti in questione non vedo in che cosa una coppia omosessuale debba esser considerata diversa da una eterosessuale.

La pedofilia è una malattia:
- I pedofili devono essere messi in condizione di non nuocere, a seconda delle situazioni questo può portare a provvedimenti diversi. In linea generale, carcere e cure psichiatriche intensive.

Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è perversione?
- Niente lo regola nè potrebbe mai regolarlo dato che la cosa è totalmente soggettiva e derivante da meccaniche molto complesse e/o da esperienze private. Ognuno ha qualche mania che può essere o meno lesiva del quieto vivere altrui. Se lo è, la persona può benissimo continuare ad assecondarla nel suo privato. Se non lo è, come ad esempio un feticismo del tutto innocuo, non ha altri limiti se non l'accettazione dei soggetti con i quali si rapporta ed il proprio buonsenso/imbarazzo. La cosa può occasionalmente essere corretta con la psicoterapia, se il soggetto (o l'autorità competente, in caso di reato commesso in funzione della perversione) lo ritiene necessario.
vykos86 on January 18th, 2010 11:36 pm (UTC)

La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?
- Trovo che la religione DEBBA essere scissa dalla parte razionale, anche perchè spesso è del tutto incompatibile con essa. Le religioni sono invariabilmente derivanti da testi di attendibilità nulla o da credenze relative all'astrologia e/o all'animismo. La logica è l'esatto contrario, le cose funzionano come funzionano e non si smentisce ciò che è provato, rifiutare la logica significa rendere completamente inutile la codificazione di qualunque cosa. Spesso la logica è stata perseguita dai religiosi, proprio perchè dimostrava nei fatti che le religioni erano bufale. La religione dovrebbe restare quello che è, ovvero un'opinione arbitraria su ciò che viene dopo la vita e sui principi comportamentali da rispettare in questa. Ovviamente se questi entrano in conflitto con le leggi devono essere abbandonati, poichè le leggi servono appunto per conciliare le libertà di tutti mentre la religione è una questione del singolo, anche in caso di comunità numerose.

La libertà: cosa decide dove finisce la tua e inizia la mia?
- Lo decide la logica: io ho totale libertà per tutte quelle questioni che riguardano me e solo me. Decido io e ne ho piena libertà, ad esempio, di che colore indossare mutande e calzini, oppure come colorare la mia automobile o come tagliarmi i baffi. Non posso invece decidere liberamente dove parcheggiare la mia bicicletta o gettare tutti i miei averi dalla finestra, perchè nel farlo precludo in parte le scelte di altri o rischio di renderli partecipi di eventi ai quali non intendono assistere/partecipare. Dove esiste questa impossibilità di agire come si vuole devono necessariamente intervenire leggi condivise e supervisionate da una parte terza.
(no subject) - queenseptienna on January 18th, 2010 11:59 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:47 pm (UTC) (Expand)
(Deleted comment)
queenseptienna: GD Tré/Billie Joequeenseptienna on January 19th, 2010 12:22 am (UTC)
FIGLIO MIO ♥_____________________♥
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:47 pm (UTC) (Expand)
narcissa63narcissa63 on January 19th, 2010 12:26 am (UTC)
Allora,cercherò di essere breve
Malato terminale...direi che se ha lasciato un testamento biologico le sue volontà vadano rispettate(chi siamo noi x togliere il libero arbitrio a qualcuno?)se così nn fosse,sentito il parere dei medici bisognerebbe essere in grado di decidere in piena coscienza,ma ti dico x esperienza personale che ringrazio il cielo che con mia madre(gravemente malata)nn ho mai dovuto prendere una simile decisione xke' sennò davvero nn so x cosa avrei optato..è facile essere razionali qndo le cose nn ci toccano personalmente, è piu' difficile esserlo qndo ci siamo coinvolti(e qsta considerazione credo che valga x molte delle domande)
Il suicida si dovrebbe cercare di evitare che arrivasse a quel punto, con aiuti, supporto psicologico e medico, con la vicinanza delle persone care(se ne ha...)Io se vedessi qlcuno che sta x suicidarsi tenterei con ogni mezzo di dissuaderlo...

Per l'aborto ritengo che debba essere la donna a decidere...io personalmente e con dei sensi di colpa giganteschi deciderei di abortire solo in caso di malattia grave o invalidante del bambino, x nn condannarlo ad una vita da reietto, amgari chiuso in un istituto nel momento in cui i genitori venissero a mancare...altrimenti penso che darei il bambino in adozione(se x altro tipo di problemi nn potessi o nn volessi tenerlo)visto che ora lo si puo' fare mantenendo l'anonimato(vedi io sono una mamma,e onestamente nn saprei neanche pensare di poter vivere senza i miei figli)
Sono contraria alla pena di morte xke'nn si puo' togliere la vita ad un essere umano...mi sa piu' di vendetta che di giustizia(anche se, mi rendo conto, x i familiari di una vittima nn sia proprio facile pensarla così..capisco che un genitore che si trova davanti l'assassino del proprio figlio forse lo lapiderebbe all'istante.)Quello che però DOVREBBE ASSOLUTAMENTE esserci e nn c'è, è la certezza della pena! Cioe' nn è accettabile che degli assassini, dopo magari neanche 2 anni dicarcere, se ne vadano in giro bel belli grazie a patteggiamenti vari, riduzioni della pena, permessi x buona condotta,ricorsi e quant'altro x l'omicidio NON ci possono essere sconti

Per i testimoni di Geova (premesso che a me le persona così settarie fanno paura x principio)cmque se si tratta di maggiorenni...beh...si potrebbe cercare di parlare loro e spiegargli che la loro scelta nn è molto sensata, ma nn credo gli si possa togliere il diritto di decidere x la loro vita, ma se si tratta di un minore,mi spiace,ma nn glielo permetterei, anche xke' lì nn è una libera scelta, magari quel bambino o ragazzino nn è x niente d'accordo con l'idea di morire x nn farsi fare una trasfusione lì la imporrei con la legge

Sull'omosessualità credo solo ci sia da dire che ognuno ha il diritto di vivere la propria sessualità come meglio crede e che le coppie omosessuali di conviventi andrebbero riconosciute x legge e gli andrebbero garantiti i diritti di successione

Sulla pedofilia ti dico, lì nn riesco ad essere accomodante CARCERE DURO A VITA e castrazione chimica(come x gli stupratori, del resto)..lo so che magari in entrambi i casi sono persone che nell'infanzia han subito abusi o vengono da famiglie a dir poco disastrate...ma nn ce la faccio, è piu' forte di me!

Nn è facile definire "perversione" anche xke' credo sia un concetto estremamente soggettivo e legato anche alla propria cultura ed al Paese in cui si vive se x perversione s'intende qlcosa di esclusivamente cerebrale.beh alzi la mano chi nn lo è,in quanto poi a mettere in pratica determinate idee,beh,ognuno, a casa sua e con il suo partnerfa cio' che meglio crede e purchè la cosa sia consensuale e nn vi sia coercizione della volontà nn credo ci sia nulla da dire(ovviamente parlo di MAGGIORENNI) Nn credo ci possa essere una regola assoluta, valida x tutti.



narcissa63narcissa63 on January 19th, 2010 12:29 am (UTC)






Ho dovuto dividere in due le risp xke' erano troppo lunghe e nn riuscivo a postarle!!XDD

Personalemnte mi definisco una credente anarchica o border line, nel senso che pur avendo un radicato "senso del sacro"(nn so come definirlo meglio)dentro di me, sono spessissimo in contrasto con i dettami rigidi imposti dalle religioni (o meglio, soprattutto dai rappresentanti delle religioni, la nomenklatura)xke' credo ke molto spesso siano proprio totalmente al di fuori del mondo e della realtà in cui viviamo e nn tengano conto di tutte le infinite variabili della vita di un essere umano.Insomma io penso con la mia testa(o almeno faccio del mio meglio x farlo)

La libertà la mia libertà finisce dove inizia la tua cioe' io sono libera di fare cio' che voglio a patto di nn ledere la tua libertà e poi nel momento in cui nella vita si hanno altre persone che dipendono da noi, quali i figli ad esempio, la cosa varia xke' se io essendo sola, padrona di me stessa, una bella mattina mi alzo e decido di mollare il lavoro e vivere di elemosina o sotto i ponti, posso anche farlo(al limite danneggio solo me stessa)ma se ho una famiglia ed una pensata del genere costringerebbe anche i miei figli a vivere di stenti..beh a quel punto nn credo di essere libera di fare una simile scelta.

Spero le mie risposte nn siano state troppo deliranti e mi scuso xke' avevo detto ke sarei stata breve ed invece (come nei miei commenti) mi son fatta prendere la mano.Sorry
Baci
queenseptienna: Magicqueenseptienna on January 19th, 2010 01:03 am (UTC)
Grazie Charles XD ♥
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:47 pm (UTC) (Expand)
Nasreennasreen44 on January 19th, 2010 12:46 am (UTC)
Allora vado per domanda o qui ci sto fino a domani ^^'''
Per ogni mia risposta potrei discutere fino a sentirmi male, io proverò a dare una risposta 'secca'.

- Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
Sono decisamente moderata. Il suicidio per i motivi più svariati lo considero, a grandi linee, come un atto di codardia. Parlo con cognizione di causa. Chi mi conosce bene sa di cosa parlo. Ritengo, invece, un atto di pura pietà la cosiddetta 'morte dolce'. Purtroppo in questo caso dovrei discutere sui 'casi', le 'situazioni'. Insomma viene un discorso assurdamente lungo. Lasciar morire di 'sete/fame' un povero disgraziato NON è morte dolce dannazione! Se dopo 35 anni di coma e/o stato vegetativo si decide di lasciar staccare la spina (a parte che il poveraggio ANCHE tornasse alla vita si ucciderebbe, ve lo dico io... 35 anni di vita bruciata... non si parla di 2 o 3 anni eh) si dovrebbe fare in modo DIGNITOSO. Ma, vabbè, è altro argomento.

L'aborto: cosa ne pensate?
Una madre deve aver il diritto di scegliere. Purchè abbia cervello. Interrompere la gravidanza per la carriera... Non andrebbe permesso. Interromperla perchè il bambino presenta delle menomazioni GRAVI, sottolineo GRAVE dovrebbe essere ammesso. Sinceramente il frutto di uno stupro non credo che, in qualità di donna, riuscirei ad accettarlo. Il bambino stesso crescerebbe davver davvero male. Ma vabbè...


La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
Qua è difficile. In linea di massima sono PRO. Alcuni elementi sono troppo pericolosi. Punto. Vanno eliminati.
Purtroppo qua entriamo in argomento vastissimo che va dalla giustizia che non è quasi mai certa (come invece dovrebbe essere) e si finisce per ammazzare un poveraccio al fatto che, uccidendolo, ci abbasseremmo al suo livello. Per ovviare a questo dilemma io sono per le punizioni corporali. Strupri? Ti castro. Sei un pedofilo? Castrazione fisica senza anestesia. Se non torniamo a dare dei deterrenti seri a questi pezzi di merda non avremo mai una riduzione dei reati. Buonismo del cazzo, i bambini NON si toccano. Ed ora datemi della destrista estramista V_V


Testimoni di Geova
Sono degi coglioni, a mio avviso. Ma in linea di massima è la loro religione, come non posso dire nulla agli islamici quando lapidano le loro mogli chi sono io per dire qualcosa a loro? Facessero come vogliono... Unico appunto, io curerei i bambini, ergo le creature che non sono in grado di agire da sole, a prescindere dei genitori. Se questi, una volta adulti, vogliono morire. Cavoli loro, almeno sarà una scelta ponderata e non subita.


L'omosessualità (il primo che dice che è una malattia LO SCHIANTO): <<<<---- ti quoto sorella!


a pedofilia è una malattia:
Leggi sopra V______V


Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è pervesione?
Impossibile avere una regolamentazione obiettiva. Diciamo che a decidere cosa è e cosa non è perverzione (per quanto assurdo detto dalla bocca di una giurista) alla fine dei giochi sia la 'Maggioranza''. Se la maggioranza dice che è perverso, queste E' perverso. Se un giorno i pervertiti (nello specifico prendi una perversione a scelta) diventassero PIU' di coloro che non lo sono... beh possiamo immagina cosa accradrebbe, no?


La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?
Io scindo sempre la parte razionale da quella religiosa. La religione mi porta a dire 'No all'aborto' oppure 'No alla pena di morte'. L'atto pratico, la vita, la ragione e tutto il resto mi porta a rispodnere come ho fatto sopra.

La libertà: cosa decide dove finisce la tua e inizia la mia?
Scusate ma qua non posso non rispondere: La tua libertà personale arriva fino a dove non va ad intralciare la mia.
Ed è questa l'unica verità ^^ (non l'ho detto io, prima che venga accusata di essere anche Dio xD)


Notte <33
queenseptienna: There isnt tripe for catqueenseptienna on January 19th, 2010 01:03 am (UTC)
FASCISTA! °A° XDDD ♥
(no subject) - nasreen44 on January 19th, 2010 01:06 am (UTC) (Expand)
(no subject) - vykos86 on January 19th, 2010 07:42 am (UTC) (Expand)
(no subject) - nasreen44 on January 19th, 2010 10:10 am (UTC) (Expand)
(no subject) - vykos86 on January 19th, 2010 10:25 am (UTC) (Expand)
(no subject) - nasreen44 on January 19th, 2010 10:37 am (UTC) (Expand)
(no subject) - vykos86 on January 19th, 2010 10:44 am (UTC) (Expand)
(no subject) - nasreen44 on January 19th, 2010 11:08 am (UTC) (Expand)
(no subject) - vykos86 on January 19th, 2010 11:11 am (UTC) (Expand)
(no subject) - nasreen44 on January 19th, 2010 11:48 am (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 19th, 2010 12:20 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - nasreen44 on January 19th, 2010 12:45 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 19th, 2010 12:21 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - vykos86 on January 19th, 2010 12:28 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:46 pm (UTC) (Expand)
leliwenleliwen on January 19th, 2010 02:20 pm (UTC)
Credo che dovrò scrivere più di un messaggio sull'argomento... Comunque, ecco punto per punto come mi rapporto io ai temi da te citati^^

1) Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
Io sono per le libertà individuali. La vita è un Dono che ci è stato fatto, se decidiamo di porre fine alla nostra vita in piena consapevolezza mi sembra una violenza il fatto di obbligarci a vivere. Quindi se io, in piena facoltà delle mie facoltà mentali ma magari in mancanza di quelle fisiche, decido di voler staccar la spina, non vedo perchè mi dovrebbe esser impedito. Considerando che un uomo fisicamente sano ma mentalmente disturbato potrebbe decidere di spararsi un colpo in testa pensando sia un gioco.

2) L'aborto: cosa ne pensate?
Tutto il bene possibile. La donna deve essere messa di fronte a tutte le opzioni che ha davanti, senza pregiudizi di sorta, posta nella capacità di decidere. Ma se non se la sente, per un motivo qualsiasi, di portare avanti una gravidanza mi sembra da persone poco lungimiranti obbligarla a portare avanti una gravidanza. Primo perché ad andarci di mezzo sarebbe il bambino che dovrà nascere, secondo perché si finisce per distruggere 2 vite, non sono una.

3) La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
Io sono per i lavori forzati (non per forza con la catena al piede, ma i lavori socialmente utili). Sono più utili alla comunità e rendono lo stato in cui vivo uno stato di diritto. L'idea che uno Stato si possa arrogare il diritto di togliere la vita a qualcuno lo trovo francamente aberrante.

4) Testimoni di Geova
ogni comunità ha i propri usi e costumi. A me non piacciono le sette, le confraternite, le chiese in generale perchè tentano di uniformare la visione del mondo alla propria. Mi disgusta l'idea che qualcuno preferisca veder morire il proprio figlioletto, magari in fasce, piuttosto che fargli fare una trasfusione, ma come non voglio che loro mettano bocca sulle mie scelte di vita, non mi ritengo di poter metter bocca sulle loro. Magari Dio è davvero più contento con chi agisce come loro. A me, questo, non è dato sapere.

5) L'omosessualità
Scrivo Slash... cosa volete che ne pensi? I greci erano dihciaratamente bisex, tutte le civiltà pre-cristiane vedevano il sesso come una benedizione e non come una condanna, amare NON è mai un errore, chiunque sia la persona/l'animale/la cosa cui va il tuo amore. Anche qui, credo che ognuno sia libero di decidere della propria vita come preferisce: i pedofili ci sono tra gli etero come tra gli omo (con una maggioranza per gli etero... quindi direi VIVA GLI OMOSSESSUALI!!!)

leliwenleliwen on January 19th, 2010 02:20 pm (UTC)
6) La pedofilia è una malattia?
Non ho idea se sia una malattia, una devianza mentale grave, una perversione, una scleta di vita... sta di fatto che mi ripugna. E' sbagliata e aberrante. E' qualcosa di talmente tanto fuori dalla mia realtà che non riesco a concepirla nemmeno. I bambini sono forse l'unica cosa davvero SACRA che esiste al mondo. Il più grande passo avanti della Storia dell'umanità è stato capire che l'infanzia va rispettata, va protetta, che i bambini non sono essere inferiori e inutili solo perchè piccoli. Rubare l'innocenza a un bambino è il solo atto veramente sacrilego che concepisco.

7) Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è pervesione?
In ambito sessuale? E' solo una fantasia. Viene definita perversione solo perchè contrasta con i dettami della morale del tempo. Ciò che è una perversione oggi potrebbe non esserlo tra 100anni e molto probabilmente non lo era 100anni fa.
Una perversione mentale è una devianza, una malattia che va curata, perchè produce mostri.

8) La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?
La religione è stata una parte importante della mia formazione. Poi la mia ragione ha preso il posto dell'emotività spiccia e delle belle parole davanti alle masse e delle sconcezza dietro i paraventi. Dio c'è, di questo ne sono quasi certa. Se si soddisfatto di come gli umoni si azzuffino, si azzannino, storpino i suoi dictat non ne sono sicura. Non sono sicura nemmeno di quali siano i suoi Dictat... io cerco di essere in pace con la mia... oddio chiamarla coscienza forse è troppo... diciamo vocina interiore...

9) La libertà: cosa decide dove finisce la tua e inizia la mia?
Sono libero di fare ciò che voglio finché non ledo un'altra persona, finché non invado la privacy altrui, finché non distruggo la società in cui vivo. La libertà è uno di quei temi spinosi che aprono milioni di scorci di interpretazione diverse, che andrebbero discusse volta per volta. Comunque la scala di valori da rispettare, seocno me, è: l'altro come persona, l'altro come rete di relazioni instaurate col resto del mondo, la comunità in cui vivo.
(no subject) - queenseptienna on January 19th, 2010 05:20 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - leliwen on January 20th, 2010 12:01 am (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:46 pm (UTC) (Expand)
Spectral Dancerterrabrake on January 19th, 2010 04:33 pm (UTC)
Non sono un tipo che ama scrivere tantissimo (e poi mi spiego sempre male), quindi riassumo le mie posizioni xD

★ Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
Sull'eutanasia: è una scelta del singolo e quindi secondo me deve essere garantita, non imposta né proibita.
Sul suicidio: qualunque sia la ragione, prima di tutto l'aspirante suicida andrebbe supportato a desistere dal proposito e affrontare le cause che l'hanno portato a ciò.


★ L'aborto: cosa ne pensate?
Sono per la libertà decisionale del singolo anche qui. Sta alla coscienza dei futuri genitori decidere del nascituro, non alle autorità politiche o religiose.

★ La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
Sfavorevole in ogni caso alla pena di morte: un colpevole non potrebbe pentirsi e meditare sulle proprie azioni, e un innocente non potrebbe essere riportato in vita in caso di mala giustizia.

★ Testimoni di Geova
Affari loro sulle trasfusioni, hanno deciso di rifiutare un importante strumento medico in base alla loro religione e quindi subiscono le eventuali conseguenze.

★ L'omosessualità: cosa ne pensi in materia?
L'omosessualità è una mala... Scherzo! Definirla una malattia è la più grande cazzata del mondo. Se esiste l'omosessualità vuol dire che è accettata all'interno dell'ordine naturale, altrimenti non ci sarebbe neppure. XD

★ La pedofilia è una malattia:
Sotto chiave a vita.

★ Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è pervesione?
La perversione è un concetto così sfumato che non saprei nemmeno come definirlo, a parte che è il costume sociale a definire di volta in volta cos'è perverso o cosa non lo è.

★ La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?
Niente religione per quanto mi riguarda, non mi piacciono le persone che credono acriticamente a qualcosa di deciso dalle autorità religiose. Mi danno l'impressione di essere un branco di pecore belanti.

★ La libertà: cosa decide dove finisce la tua e inizia la mia?
Qua ci devo pensare....
queenseptienna: Attenti a quei due SEX?queenseptienna on January 19th, 2010 05:21 pm (UTC)
Grazie moglieh! U_U ♥
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:46 pm (UTC) (Expand)
Josline: nascondino - mascherajess_ch_90 on January 19th, 2010 07:09 pm (UTC)
Non so in quante parti te lo lascio giù. T^T
Sono argomenti interessanti e mi fa piacere che tu abbia esposto queste domande in modo attento. Trovare questo genere di punti in un live journal, è veramente un'ottima idea.

Scusa il mio scarso italiano in anticipo!

★ Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
Due esempi:

- Un malato terminale che chiede di "staccare la spina";

Disperazione.
Utilizzo questa parola perchè è ricorrente. Ovunque.
Anche se penso che staccare la spina sia sintomo di "debolezza" - per carità, ognuno ha le sue debolezze e ognuno le manifesta a modo suo - ma lasciarsi andare così, direttamente, senza nemmeno aver provato ad assaporare la vita in modo più profondo.
E' vero, dipende da persona a persona; c'è chi ha sperimentato l'impossibile e c'è chi no. Ma io credo che anche chi hasperimentato l'impossibile debba ancora esplorare l'esistenza in sé.
E penso che staccare la spina è come firmare la dichiarazione di andata all'inferno (scusa se sembra così "drammatico")

- Un uomo sano che decide, per i più svariati motivi, di suicidarsi.

Hai talmente tanto nella vita che ti annoi?
Forse non hai nemmeno tanto ma credi di avere tutto e quindi pensi di ottenere ciò che nessuno è in grado di ottenere se non in modo naturalmente predisposto?
Nel caso di una persona che "non ha nulla" allora, posso dirti che "il fatto che tu riesca ancora a sopravvivere (parlo dell'europa, e dei paesi piuttosto sviluppati) è tanto". Non ci si abbandona a se stessi e alla prima lotta persa.
Non pretendo di aver ragione, espongo solo l'idea tramite un'esperienza vissuta. I miei sono scappati dalla guerra.
Ed erano qui con NIENTE.

★ L'aborto: cosa ne pensate?
-Una madre deve tenersi il figlio nonostante tutto;

Mia madre ha dovuto abortire e non mi domando mai se non l'avesse fatto cosa sarebbe successo, perchè so la risposta.
Purtroppo è stata costretta (non prendetevela ora) perchè i nonni paterni non volevano un altro nipotino.

-Una madre è libera di decidere o meno di interrompere la gravidanza.

Ok, qui ora ci vuole piuttosto tanta riflessione. Se rimani incinta ogni 5 mesi e aborti tipo non so quante vole all'anno, ho anche dei dubbi sul tuo mestiere. Piantala perchè fai solo del male a te stessa e rovini il tuo corpo (come ben si sa fare troppi aborti non aiuta il corpo).
Una ragazza di 17 anni che vuole a tutti i costi provare il sesso e vuole vantarsene con le amiche allora, se lei decide di abortire, vado io lì e la costringo facendole del male psicologicamente a tenerselo.
L'argomento aborto è connesso al sesso. Io so che negli ultimi tempi questo argomento delicato viene troppo sottovalutato e quindi diventa una sorta di moda.
Io vorrei solo rendere attente le persone che pensano che sia il sesso sia solo divertimento, mentre inizialmente era concepito come metodo per poter procreare e mandare avanti quella che ora definiamo terra.
Sì ovviamente si provava piacere (penso. Purtroppo - per l'argomento- e per fortuna io sono ancora vergine e non ho mai fatto sesso) in conseguenza all'atto.
Ma usufruirne in modo sbagliato richiede la massima responsabilità. Ciò vuol dire, sei libera di scegliere ma se fai cazzate, ti auguro di avere un cancro alle ovaie. *si immagina la scena mentre lei lo dice ad una qualche sua coetanea*

Se sei stata stuprata e rimani incinta di uno sconosciuto allora puoi abortire. Non replico.


Josline: nascondino - mascherajess_ch_90 on January 19th, 2010 07:09 pm (UTC)
★ La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
-E' giusto che il condannato paghi con la vita;

Io direi "e' a Dio che tocca perdonare".
Purtroppo per me (so che ci sarà qualcuno a contestare), sono d'accordo con la pena di morte per atti gravi.
Lavoro in uno studio legale e arrivano casi di ogni genere, ma quello che più mi ha lasciata scandalizzata in 4 anni di lavoro è stato un procedimento penale di un uomo che aveva abusato di bambini.
Leggevo ad occhi spalancati il verbale e le varie testimonianze scritte.
Qui in Svizzera non c'è la pena di morte, ma per atti simili, io provo solo un gran rigetto per i soggetti che esercitano atti simili su bambini. I bambini che sono innocenti, innocui, i bambini che sono le persone più preziose da proteggere.
Questo vale per violenza-stupro.

-Non è giusto, chi dice che non ci siano errori?

Errori...ovunque si fanno errori e nessuno è perfetto. Ma se sei completamente sano e fai -scusa il termine Dani- stronzate, passerai per malato e quindi, tu stesso sarai un errore.

★ Testimoni di Geova
-E' giusto che NON permettano le trasfusioni di sangue poiché è il loro credo;

MA ABSO-FREAKIN-LUTELY NO. Ma 'sti ca**i! E ho un'amica di mia madre che è testimone di Geova che per me è quasi come una seconda nonna.
Con lei non entro mai in merito a questi discorsi perchè sono piuttosto scontrosa.
Insomma loro predicano la Bibbia nel modo in cui loro la interpretano a modo loro. Ma loro sono le prime persone ad essere deboli e ad essere scappate dal Cristianesimo-Cattolicesimo convertendosi in qualcosa che è stato creato l'altro giorno.

-Non è giusto che non permettano le trasfusioni, la vita è più importante della religione.

Concordo.
Se si ha la possibilità di salvare una vita umana senza infettarla, non credo che ci sia un atto più generoso. E sono convinta che chi sta sopra osservi.
Sarebbe un gesto che farebbe sentire meglio qualcun altro ma anche se stessi, non credi? voglio dire spero che chiunque possa capire quanto sia bello poter rendere felici gli altri facendo un gesto che renda felici anche se stessi.

★ L'omosessualità (il primo che dice che è una malattia LO SCHIANTO): cosa ne pensi in materia?

Io credo che sia normale provare un sentimento profondo per una persona del medesimo sesso.

Ovviamente io (non linciarmi Dani) non vorrei mai vedere un matrimonio omosessuale celebrato in chiesa. Tutto qui.

★ La pedofilia è una malattia:

-E' giusto curare il pedofilo;
C'è chi s'aspetta il miracolo, io non me lo aspetto dalle persone.
Mi aspetto di vedere la Madonna (com'è capitato in Egitto a dicembre! ma purtroppo non ero lì T_T) ma non di vedere un essere umano cambiare.

-A morte! In galera!

Come ho detto prima, meriterebbe la pena di morte ma va bene anche l'ergastolo.
Se proprio riempe la cella quando c'è qualcun altro che deve occuparla, allora si può procedere con l'iniezione.

★ Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è pervesione?

La perversione è qualcosa di represso, secondo me.
Non ho una definizione chiara nella mia mente.
A volte la gente pensa che guardando solo un personaggio manga, la persona sia perversa.

★ La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?

Grazie alla mia religione originaria (cristiano-ortodossa) ho potuto farmi un'idea di svariati argomenti nella mia vita.
Grazie alla mia religione ho potuto capire quale significato e importanza ha veramente la donna e come migliaia di centinaia di uomini non la pensi così. Insomma, vedere lo schifo invadere il puro.
Ora la mia parte razionale tiene particolarmente in piedi questa mia miglior comprensione del rispetto e del valore della donna.

Tralasciamo le donne che sono disposte a rovinare il tutto facendo appunto di tutto.

★ La libertà: cosa decide dove finisce la tua e inizia la mia?

La mia libertà inizia quando mi godo la vita e finisce prima che inizi a rovinarmela.
queenseptienna: GD Mike/Billie kissqueenseptienna on January 19th, 2010 07:15 pm (UTC)
Grazie per il contributo Jos, non ti lincerò U___U xDDDDDDDDD
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:46 pm (UTC) (Expand)
zephan82zephan82 on January 19th, 2010 08:14 pm (UTC)
Le mie risposte, in due "modiche" rate XD

★ Siete per la vita ad ogni costo o avete una posizione più moderata?
Due esempi:

- Un malato terminale che chiede di "staccare la spina";
- Un uomo sano che decide, per i più svariati motivi, di suicidarsi.


Allora, non sono umanamente in grado di comprendere perché una persona sana dovrebbe arrivare a suicidarsi. Ho avuto i miei bassi nella vita, i miei abissi, ma non mi è mai venuto in mente di ammazzarmi, non sul serio. Mi dicono dalla regia che sono una persona forte. Io rispondo che sono diventata forte strada facendo. Alla fine della fiera, credo che la chiave di tutto sia che amo la mia vita, se questo amore dovesse venire meno per un motivo X, credo sia mio diritto porvi fine. Mio e di chiunque altro.
Tendo a vedere un tentato suicidio come una disperata richiesta d'aiuto, in realtà. Ma forse è un limite mio, dettato dal fatto che l'idea del suicidio, inteso come reale volontà di porre fine alla propria vita, mi è del tutto aliena.
D'altra parte, non vorrei trascorrere tutti gli anni che mi restano in un letto d’ospedale, con una macchina che mi nutre e nessuna possibilità di relazionarmi col mondo. Per come la vedo io, in quel caso sarei già morta… eppure non prendo neppure in considerazione la possibilità di lasciare un testamento biologico. Perché? Perché rispetto il diritto dei miei cari di decidere se si sentono pronti o meno a lasciarmi andare. Sanno come la penso, preferisco fidarmi di loro, piuttosto che di un pezzo di carta.
In generale, io penso che la vita non possa essere in alcun modo un'imposizione. La vita è, e deve restare, un dono. Ed in quanto tale può essere sia accettata che rifiutata, la scelta è individuale e privata.

★ L'aborto: cosa ne pensate?
-Una madre deve tenersi il figlio nonostante tutto;
-Una madre è libera di decidere o meno di interrompere la gravidanza.


Vediamo. Mia madre è stata fra quelli che hanno votato al Referendum abrogativo della famigerata legge 194. Lei ha votato perché rimanesse a far parte delle leggi di questo Stato. Eppure, quando si è trattato di decidere se tenere me, si è battuta come una furia contro chiunque; perché mi voleva, anche se quella non era la scelta più consigliabile né dal punto di vista clinico – per lei – né dal punto di vista economico – per il resto della famiglia.
Che ne devo pensare dell’aborto? Che preferisco infinite volte che una ragazzina spaventata, che ha fatto un casino coi contraccettivi, possa rivolgersi ad un consultorio e finire con l'interrompere la gravidanza in un ospedale, piuttosto che morire di parto ad un angolo di strada, tanto per cominciare.
In secondo luogo, posso dire che è rassicurante per me-figlia sapere di essere stata voluta.
In terzo luogo, ora come ora, voglio un figlio così tanto – e la possibilità di averlo è così remota – che dubito farei uso del mio diritto di abortire, at any rate. Ma il punto è esattamente questo: sarebbe comunque mio diritto e lo apprezzo.

★ La pena di morte: (in presenza di reati gravissimi)
-E' giusto che il condannato paghi con la vita;
-Non è giusto, chi dice che non ci siano errori?


A parte il discorso sull'infallibilità vera o presunta dei tribunali, io vorrei capire chi è che stabilisce cosa sia grave e cosa invece non lo è.
In diversi Paesi del Mondo, l’omosessualità è punita con la pena di morte. E se qualcuno viene a dirmi che “è giusto” o che “la legge è legge” o ancora che “ogni Paese è sovrano nel suo territorio”, lo massacro con le mie mani senza pensarci nemmeno una volta.

Il fatto che io vorrei far bruciare sul rogo chi ha commesso determinati crimini, non significa che mi aspetti delle leggi in tal senso da uno Stato che voglia dirsi civile. Il rispetto per la vita umana dovrebbe essere la base di qualsiasi etica che voglia definirsi – per l'appunto - umana. La pena di morte è una negazione plateale di questo principio.
zephan82zephan82 on January 19th, 2010 08:17 pm (UTC)
★ Testimoni di Geova
-E' giusto che NON permettano le trasfusioni di sangue poiché è il loro credo;
-Non è giusto che non permettano le trasfusioni, la vita è più importante della religione.


Li rispetto. Fintanto che un adulto sceglie della propria vita, senza far del male ad un altro essere umano, io non mi sento chiamata in causa. Posso non capire … ma con le cose che non capisco, si potrebbero riempire biblioteche intere, quindi pazienza.
Trovo il loro comportamento illogico sia su un piano puramente razionale che su uno che coinvolga il mio modo d'intendere la religione, ma non ne discuto il diritto di fare ciò che ritengono giusto per se stessi, dato che il sacrificio è comunque a carico loro.
Diverso è il discorso se ci sono minori coinvolti. La mia lucidità va a farsi friggere in quel caso. Me ne frego che un genitore ha il diritto di educare il proprio figlio secondo gli usi e costumi della propria gente. Un genitore che guarda il proprio figlio morire e gli nega anche la più improbabile possibilità di salvarsi, per me non è un genitore.
[Non me ne vogliano i cattolici osservanti all’ascolto: ma se avessi Abramo davanti, gli sputerei in un occhio senza troppi complimenti.]

★ L'omosessualità (il primo che dice che è una malattia LO SCHIANTO): cosa ne pensi in materia?

Sono etero ma scrivo e traduco Slash. Che devo pensare in materia? Che l’amore è quanto di più bello questa vita ci offra e sprecarne anche una sola goccia è un sacrilegio. L’amore non può essere sbagliato. Se due persone si innamorano, il mondo con la sua presunta morale dovrebbero soltanto inchinarsi e non rompere i coglioni.

★ La pedofilia è una malattia:
-E' giusto curare il pedofilo;
-A morte! In galera!


La pedofilia è una malattia? Uhm, vediamo di essere chiari: il fatto che un adulto provi attrazione sessuale verso un bambino è una malattia e fin qui ci posso anche stare.
Bene, quindi immagino che questo ipotetico adulto, ne sia consapevole e possa farsi curare, no? Può farsi castrare, magari. Perché nella sua testa dovrebbe esserci un’insegna luminosa al neon, grande come lo stadio Olimpico, che dice “È SBAGLIATO E SE LO FAI, SEI UN MOSTRO”. Se l’ipotetico adulto malato, sfiora un bambino con un dito è colpevole. Punto. La differenza fra un essere umano ed una bestia dovrebbe stare tutta nella capacità di resistere alle proprie pulsioni, malate o sane che siano.

Una volta che lo prendi … io-famigliare lo farei a pezzi con le mie mani. Non lo so cosa sarebbe giusto fare e sinceramente non mi interessa molto capirlo. Immagino che vada curato. Immagino. Ma io lo farei a pezzi.

★ Cos'è la perversione? Cosa regola cosa è o non è perversione?
Non lo so. Tutto dipende dal senso comune, o se vogliamo dalla morale pubblica. Ogni comportamento deviato rispetto al pubblico marchio di “normalità” è perversione. Peccato che ogni cultura umana abbia fabbricato il proprio concetto di normalità a suo uso e consumo.
Io sono dell'idea che due adulti consenzienti possano fare tutto quello che vogliono, dando corpo alle loro fantasie più inconfessabili dentro e fuori dalle lenzuola, senza doversi sentire in colpa o insani per questo.
Non fanno del male a nessuno, anzi, liberano il mondo e la sua preziosa normalità di due presenze frustrate in più. Meglio di così?

★ La religione condiziona il tuo modo di pensare o sai/vuoi scindere la tua parte razionale dal credo religioso?

La religione non influenza il mio modo di pensare, sono i miei valori a definire il mio modo di pensare. Valori che in parte provengono da Bibbia e Vangeli - sono di estrazione cattolica e mia nonna era una fissata assoluta per queste cose - e in parte vengono dalle mie esperienze. Poi, io devo ancora capire in che punto preciso dei Vangeli Gesù Cristo abbia detto un sacco delle cose che la Chiesa Cattolica Apostolica Romana gli mette allegramente in bocca per giustificare le varie sparate omofobe dai pulpiti. Ma io sono miope, quindi…

Per me, Lui resta quello che è venuto a farsi crocifiggere per amore. Lui è colui che ha predicato amore e nient’altro che amore ad ogni passo che ha mosso su questa Terra. Punto.
E l'amore influenza le mie scelte eccome.
(no subject) - zephan82 on January 19th, 2010 08:18 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 19th, 2010 08:24 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - zephan82 on January 20th, 2010 07:43 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - leliwen on January 19th, 2010 11:50 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - zephan82 on January 20th, 2010 09:02 pm (UTC) (Expand)
(no subject) - queenseptienna on January 22nd, 2010 08:45 pm (UTC) (Expand)