?

Log in

No account? Create an account
 
 
queenseptienna
04 September 2012 @ 06:43 pm

Regolamento: creato dal The Broke and The Bookish blog, lo scopo è di rispondere al meme con una top ten, ogni martedì.
L'argomento è: libri che porteresti su un'isola deserta.

  1. Jane Eyre: senza ombra di dubbio uno dei libri più belli della sua epoca (non me ne vogliano le fan della Austen), ma Charlotte Bronte ha saputo tratteggiare in maniera terribilmente complicata e realistica una donna non schiava della passione, ma della ragione.
  2. Il nome della rosa: altro mio libro preferito, le riletture ormai non si contano più. L'avventura di Adso e Guglielmo nella biblioteca è una delle migliori opere di narrativa italiana in assoluto.
  3. Harry Potter: come si fa a vivere senza Harry Potter, dico?
  4. La lunga marcia: è stato il primo libro di Stephen King che abbia mai letto, nonché mia prima incursione nel genere distopico.
  5. Hunger Games: questa scelta farà forse storcere il naso a parecchi, ma per quanto lo abbia criticato, è dai tempi di Harry Potter che nessun libro mi appassiona così tanto.
  6. Il signore degli anelli: se non per rileggerlo, quanto meno per usarlo come rialzo per la testa. Scherzi a parte, LOTR è un'inestimabile opera che merita sempre una rilettura.
  7. V.M. 18: quella della Santacroce è un'opera che non ho mai letto, ma mi dicono che merita e me lo porterei più che altro per fare i paragoni con 50 sfumature, che mi porterei solo per accendere il fuoco.
  8. Neonomicon: non è un libro, ma una graphic novel di Alan Moore, dedicata a uno dei più famosi scrittori del mondo, H.P. Lovecraft.
  9. Il profumo: un libro magnifico, una sagra di odori e profumi che, nonostante li si legga soltanto, si riesce persino a sentirli. Di Patrick Sunskind.
  10. Io uccido: lo so che Faletti è considerato di poco conto nella narrativa italiana, ma a me il suo primo libro è piaciuto.

Tags: ,
 
 
Current Mood: cheerfulcheerful