September 29th, 2014

Spock

[CROSSOVER] Atlantis

I Fantastici non sono gli unici esseri ad aver colliso con il mondo umano. Già da millenni, sperduta in qualche parte dell’oceano (non è dato sapere quale), l’isola di Atlantide alimenta il suo mito a pari passo degli esseri magici. A differenza dei Fantastici, Atlantide non viene da una realtà alternativa, un altro piano dell’esistenza o da un multiverso, no. Atlantide è sempre esistita in questo universo ed è la presenza di una terza razza sulla Terra: gli alieni.
La loro origine è del tutto ignota, né si sa quando, come o per quale ragione abbiano deciso di stabilirsi proprio da noi, sta di fatto che da sempre sono sentinelle silenti che controllano le sorti del mondo. E da quando i Fantastici sono apparsi nel 1942, hanno deciso di rivelare la propria presenza al F.R.E.A.K.S. (Fairy Relationships and Knowledge Service) al proposito di essere il “terzo occhio” dell’agenzia.
Gli atlantidei sembrano umani in tutto e per tutto – alcuni dicono che siano “i veri umani” da cui è stata poi generata l’umanità, ma sono solo voci – e la caratteristica principale è che riescono a vivere in simbiosi con la natura e con la tecnologia avanzatissima di cui dispongono (altre voci spacciano la nostra tecnologia come loro invenzione). La loro struttura sociale è democratica e retta dalla Federazione Tripartitica a cui fa capo Micaelic Sato. I tre partiti sono quello Scientifico (presidente Aristide Vate), quello Artistico (presidente Galeo Mate) e quello Militare (presidente Spartaco Tote).
Gli atlantidei non amano mischiarsi nei problemi degli umani (e hanno forti pregiudizi sul sistema democratico americano), ma decidono di affiancare Domias Vate, figlio del capo del Partito Scientifico, a Rebecca Carter al F.R.E.A.K.S.  come mediatore nei rapporti tra umani e Fantastici.


Note: Al momento l’unico atlantideo noto in tutto e per tutto al F.R.E.A.K.S. è Domias Vate, ma non si esclude che altri atlantidei abbiano lasciato la terra natia e si siano mescolati tra gli umani, spiccando come geni scentifici, militari o artistici. Lo scopo di Domias è anche quello di individuare questi soggetti e riportarli ad Atlantide, in modo da impedire loro di influenzare il naturale progresso umano.